Blog

Napoli protagonista nei libri

Oltre a essere la meta ideale per la tua vacanza, Napoli è una delle città preferite dei romanzieri di tutti tempi. Napoli, infatti, è un luogo talmente ricco e vario da essere la cornice perfetta per ogni narrazione, che sia un giallo, un thriller o una storia d’amore.
Visto che l’estate è la stagione dei viaggi e del tempo libero (in cui poter recuperare tutte le letture arretrate), abbiamo pensato di proporti alcuni titoli di libri italiani che hanno Napoli come protagonista. La lista non si propone di essere esaustiva, ma forse potrà essere per te un modo per conoscere meglio la nostra città e scoprire i suoi lati nascosti attraverso lo sguardo di grandi scrittori.

Mistero napoletano di Ermanno Rea
Un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda in cui si sviluppano le vicende dei protagonisti, appartenenti a una generazione incerta ma piena di speranza verso il futuro.

Il giorno prima della felicità di Erri De Luca
Don Gaetano è uomo tuttofare in un grande caseggiato della Napoli popolosa e selvaggia degli anni cinquanta: elettricista, muratore, portiere dei quotidiani inferni del vivere. Da lui impara il giovane chiamato “Smilzo”, un orfano formicolante di passioni silenziose, con il quale Don Gaetano divide il desiderio sessuale di una vedova. Una storia ambientata in una Napoli offesa dalla guerra e dall’occupazione, che si ribella – con una straordinaria capacità di riscatto – alla sua stessa indolenza morale.

La pelle di Curzio Malaparte
Una terribile peste dilaga a Napoli dal giorno in cui, nell’ottobre del 1943, gli eserciti alleati vi sono entrati come liberatori: una peste che corrompe non il corpo ma l’anima, spingendo le donne a vendersi e gli uomini a calpestare il rispetto di sé. Trasformata in un inferno di abiezione, la città offre visioni di un osceno, straziante orrore: la peste – è questa l’indicibile verità – è nella mano pietosa e fraterna dei liberatori, nella loro incapacità di scorgere le forze misteriose e oscure che a Napoli governano gli uomini e i fatti della vita, nella loro convinzione che un popolo vinto non possa che essere un popolo di colpevoli.

Scende giù per Toledo di Giuseppe Patroni Griffi
In questo romanzo breve, Giuseppe Patroni Griffi racconta la storia di Rosalinda Sprint, un femminiello napoletano che si muove tra i vicoli di una Napoli barocca, in cui si sente tutto il dolore e l’abbandono di chi sogna l’Amore con la A maiuscola.

L’amica geniale di Elena Ferrante
Primo libro di una saga composta da 4 volumi. Il romanzo racconta la storia di un’amicizia, seguendo le due protagoniste bambine e poi adolescenti, tra le quinte di un rione della periferia napoletana. Durante il corso degli anni il loro rapporto cambia, così come si trasforma il rione, Napoli e l’Italia, in più di un cinquantennio. La storia di Lila e Elena diventa un’occasione per scavare nella psicologia femminile e una lente per indagare sentimenti che accomunano tutti.

Il ventre di Napoli di Matilde Serao
Nato come inchiesta giornalistica a seguito dell’epidemia di colera nel 1884 e pubblicato sul romano Capitan Fracassa oltre che a Milano da Treves, il libro è molto più di un semplice reportage: attraverso la descrizione del popolo napoletano di fine Ottocento, la Serao denuncia un sistema politico ipocrita e corrotto, schierandosi sempre dalla parte dei più deboli…

Il cardillo addolorato di Anna M. Ortese
Un racconto fiabesco nella cornice di una Napoli di fine Settecento dai colori pastello. Un principe, uno scultore ed un ricco commerciante scendono dai Paesi Bassi in Campania per fare visita a un celebre guantaio che vive a Santa Lucia. L’uomo è padre di due figlie, tra cui la maggiore, Elmina, fa innamorare subito il più giovane degli ospiti, l’artista squattrinato, il quale ottiene inaspettatamente il consenso alle nozze e la sposa. Ma la favola si trasforma in dramma intessendo una vicenda ricca di deliri, ambiguità, visioni, magie e oscure sofferenze.

Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo
Luciano De Crescenzo compone una raccolta di storie di uomini che vivono a Napoli e godono di tutte le bellezze e le stravaganze della città.

04/07/2018 News , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Riguardo tagitadv